top of page
Cerca
  • Immagine del redattoreTiziana

Biscotti con okara di mandorle

Hai fatto il latte di mandorla in casa e non sai come riutilizzare la polpa residua rimasta nel colino? Non preoccuparti, in cucina si può recuperare quasi tutto!

Prova questi biscotti, morbidi all'interno e croccanti in superficie, realizzati con pochissimi ingredienti, tra cui l'okara di mandorle.

L'okara è la polpa bianca e farinosa rimanente quando prepari in casa qualsiasi latte vegetale (mandorle, nocciole, avena, etc...)

E' ricca di fibre, amido, proteine ed è tipica della cucina cinese, giapponese e coreana è fin dal '600.


Vuoi davvero farti scappare l'occasione di riciclare in cucina una polvere così versatile e ricca di nutrienti?

Scopri come realizzare questi biscottini leggendo la ricetta in basso


Potrebbero interessarti anche:

Biscotti okara di mandorle. Vegani, senza lattosio, senza glutine, light

Ingredienti per 8 biscottini

45 g okara di mandorle

60 g farina di riso

35 g zucchero semolato

2 g di lievito in polvere

35 g di latte vegetale

1 bustina di vanillina

Cannella q.b.

1 pizzico di sale

8 mandorle intere per decorare


Procedimento:

In una ciotola versare tutte le polveri: l'okara di mandorle, la farina di riso, lo zucchero, il lievito, vanillina, sale e cannella.


Aggiungere il latte vegetale. Io spesso uso il latte di mandorle fatto in casa.


Impastare tutto con le mani fino ad ottenere una consistenza compatta e modellabile.


Formare i biscotti: prelevare porzioni di impasto e creare tante palline della grandezza di una noce.


Su ogni biscottino posizionare una mandorla, facendo una leggera pressione per inserirla parzialmente.


Cuocere in forno già caldo a 180° per circa 15 minuti.


Io faccio così:
  • Per rendere questi biscotti ancor più gustosi, aggiungo delle gocce di cioccolato o dell'uva sultanina nell'impasto.

  • Il latte vegetale si può sostituire con latte vaccino o con succo di mela.

54 visualizzazioni
bottom of page