top of page
Cerca
  • Immagine del redattoreTiziana

Crocchè di patate

Il problema più grande dei crocchè sappiamo tutti qual è (giuro che la rima è un caso!): come fare per non farli aprire in cottura?

Beh, se seguirete alla lettera tutti i passaggi della mia ricetta, siete in una botte di ferro.


Siete pronti ad assaggiare uno degli street food napoletani più goduriosi che esistano?

Io li faccio senza nemmeno la mozzarella all'interno perchè trovo che siano già buonissimi nella loro semplicità. Rigorosamente fritti.


Nella sezione "Io faccio così" però vi indico come preparare una versione ancor più golosa, se volete un gusto più ricco e un ripieno filante!

Crocchè di patate fritti

Ingredienti (per circa 30 crocchè)

1 kg di patate a pasta gialla

80 g di parmigiano grattugiato

1 uovo

Sale e pepe q.b.

Prezzemolo fresco tritato

Noce moscata q.b. (facoltativa)

Pangrattato per impanare

Olio di semi per friggere


Procedimento:

1- Cuocere le patate: lavare le patate con tutta la buccia. Sistemarle in una pentola e coprirle con acqua fredda, quindi portare a bollore e far cuocere finchè non saranno morbide e i rebbi di una forchetta entreranno facilmente nelle patate.


2- Pelare le patate: scolare le patate e, mentre sono ancora calde, pelarle.


3- Schiacciare le patate servendosi di uno schiacciapatate o di una forchetta.


4- Impastare: aggiungere il parmigiano grattugiato, sale, pepe, noce moscata, prezzemolo e impastare tutto. Unire anche l'uovo e continuare a mescolare fino ad ottenere un impasto morbido ma compatto e modellabile.


5- Formare i crocchè: prelevare piccole porzioni di impasto e, modellandolo con le mani, dare la forma di un piccolo cilindro.


6- Impanare ogni crocchè nel pangrattato quindi riporlo su un vassoio foderato di carta forno. Proseguire così finchè non si esaurirà l'impasto. Coprire quindi i crocchè con della carta da cucina e lasciare in frigorifero per tutta la notte (o almeno per 8 ore).


7- Friggere: scaldare abbondante olio di semi in un tegame fino a raggiungere i 180-190° (sarebbe consigliabile l'uso di un termometro da cucina per monitorare al meglio la temperatura). Versare all'interno dell'olio bollente 3 0 4 crocchè alla volta per non fare abbassare troppo la temperatura dell’olio.

Attendere qualche minuto senza girarli (altrimenti si rischia di romperli) quindi muoverli delicatamente per farli dorare su tutti i lati.


8- Scolare i crocchè con l'aiuto di una schiumarola e adagiarli su un piatto con carta assorbente. Servire le crocchette di patate ancora calde.


Io faccio così

Per dei crocchè ancora più gustosi, aggiungo al centro un po' di mozzarella (messa dal giorno prima in frigo mi raccomando!) e del salame napoletano. Quindi richiudo l'impasto e impano il crocchè.

73 visualizzazioni
bottom of page